Belvedere sul Piceno

Belvedere sul Piceno
Ascoli Piceno

Caratteristiche del percorso

Per questo percorso è preferibile utilizzare una bicicletta da corsa con cambio a più apporti con coperture di tipo slik, in quanto presenta alcuni tratti in salita che si susseguono rapidamente, in compenso però, tutte il percorso è completamente asfaltato. La prima parte della salita è completamente all’ombra, a differenza della seconda che pur sviluppandosi tra il verde, presenta pochi tratti ombreggiati.  La discesa che ne segue è lunga e tecnica.  I vari tornanti vanno affrontati a velocità moderata per il traffico sostenuto, specie nei mesi estivi. Anche per questo breve tratto non si sono potuti evitare alcuni brevi tratti e attraversamenti di strade di grande comunicazione, che ovviamente presentano un alto traffico. Per cui è bene procedere in fila indiana facendo attenzione a restare oltre la linea bianca che delimita la corsia, che tra l’altro è abbastanza ampia. Vi consigliamo di fare rifornimento di acqua a Cupra Marittima, di affrontare questo percorso avendo alle spalle uno specifico allenamento e di indossare un abbigliamento adeguato.

Il Cavallo di fuoco

Cavallo di fuoco RipatransoneA Ripatransone, come da tradizione che dura dal XVII° secolo, la sera prima della Domenica che segue quella di Pasqua, va in scena Il Cavallo di Fuoco: la sagoma di un cavallo da cui fuoriescono esplosioni di luci, spari, razzi e girandole di fuochi d’artificio. Ricorda i festeggiamenti della Madonna di San Giovanni nel 1622.

La sagra giubiliare

Ogni primo luglio il cui giorno cade di Domenica, si celebra a Grottammare la Sagra Giubilare. Seconda la tradizione, fu concessa dal Papa Alessandro II° nel 1175 in segno di riconoscenza alla città per l’ospitalità ricevuta presso il Monastero di San Martino, i un frangente in cui lo stesso fu costretto a sostare, durante un viaggio alla volta di Venezia, nel porto di Grottammare, a causa di una tempesta.